Archivi del mese: maggio 2011

Libro di Salvatore Settis

COMUNICATO

Esce il libro

SALVATORE SETTIS

La bellezza ingabbiata dallo Stato

di Luca Nannipieri,

un libro contro la struttura

Stato – Soprintendenze – Università

e "contro" il suo massimo rappresentante:

Salvatore Settis

Esce nelle librerie il 12 maggio il libro Salvatore Settis – La bellezza ingabbiata dallo Stato di Luca Nannipieri (Edizioni ETS, 2011, euro 8). Con questo libro Luca Nannipieri mette sotto accusa il sistema dei Beni Culturali oggi vigente in Italia, che attraverso Soprintendenze, Università e Consigli di ricerca, paralizza ogni intervento privato ed individuale su case, dimore e paesaggi, che non sia riconosciuto dallo Stato. Il libro mette in discussione il ruolo dello Stato, delle Soprintendenze e delle Università, perché troppo bloccati e gerarchici, nella valorizzazione e nella conoscenza della bellezza del nostro patrimonio storico-artistico e del paesaggio in Italia.

Il saggio-pamphlet si confronta criticamente con una delle personalità della cultura più importanti in Italia: Salvatore Settis, direttore storico della Normale di Pisa, editorialista di Repubblica e Sole24ore, Presidente del Comitato scientifico del Museo del Louvre, esponente di quel mondo e che di quel sistema è stato ed è un esimio rappresentante.

L’esperienza e lo spessore culturale che figure come Settis hanno messo a disposizione nella gestione italiana del patrimonio artistico e culturale oggi non possono sfuggire al confronto che anche altri soggetti possono offrire in questo contesto in un’ottica meno statalista, meno ingessata, meno calata dall’alto.

Dichiara l’autore Luca Nannipieri: "Salvatore Settis rappresenta una cultura del Novecento che ha dato una risposta ineccepibile sulla bellezza e sul patrimonio artistico e paesaggistico; ma questa risposta ineccepibile ha una vittima: la persona. Pensare che il patrimonio storico artistico, da Pompei all’ultimo borgo dell’Umbria, possa essere difeso anzitutto e soprattutto dallo Stato e dalle leggi è come convincersi e cercare di convincere che l’acqua va dalla foce alla sorgente. Non può essere: è l’evidenza che te lo nega. E sui beni culturali, l’evidenza mostra che Stato, Soprintendenze e Università non hanno difeso e valorizzato la bellezza dei nostri luoghi: al contrario, l’hanno spenta, l’hanno ingabbiata. In altri termini, così come sono, hanno fallito. Per questo Settis, nonostante sia considerato uno dei guru indiscussi degli ambienti intellettuali europei, rappresenta un modo tutto novecentesco di concepire i beni culturali e la bellezza dei nostri luoghi".

Luca Nannipieri, già collaboratore del Corriere della Sera (edizione toscana) e Resto del Carlino, è direttore e fondatore del Centro Studi Umanistici dell’abbazia di San Savino presso l’omonima abbazia medioevale a Pisa, nella quale dirige anche un festival artistico, ospitando le maggiori personalità della cultura italiana, coinvolgendo le comunità del luogo e dedicandolo ogni anno ad un pensatore del Novecento. Il festival e i dibattiti culturali che dirige sono mirati a valorizzare monumenti e bellezze storico-artistiche italiani solitamente poco riconosciuti o in degrado.

In allegato, un’anteprima del testo.

Info:

Ufficio stampa Centro Studi Umanistici dell’abbazia di San Savino

http://www.centrostudisansavino.it

Referente Francesca Briganti

settis anteprima.pdf

Salvatore Settis Nannipieri copertina.pdf

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

La caccia nella preistoria

Il Museo tridentino di scienze naturali ti invita a

un libro per aperitivo

La caccia nella preistoria

con Rossella Duches e Marco Peresani

giovedì 12 maggio, ore 18.00

Biblioteca del Museo tridentino di scienze naturali

(Trento, via Calepina 10)

Saranno presentati i due volumi:

“La caccia nella Preistoria” di R. Duches, M. Peresani, M. Romandini, B. Bussola

“Uomini e ambienti” di G. Manzi, A. Vienna

Come ha avuto origine l’Homo sapiens? Quali sono le principali tappe biologiche e culturali che hanno segnato il cammino evolutivo umano? In che modo i nostri antenati più antichi si sono adattati nel corso del tempo a climi e contesti ambientali tanto diversi?

Attraverso un’incursione nel nostro più antico passato, l’incontro sarà l’occasione per dare una risposta a queste e altre domande sull’Uomo e sulla varietà delle strategie biologiche e culturali attraverso le quali la nostra specie si è potuta adattare ai diversi ambienti che tuttora abita. Il dialogo tra i due autori si soffermerà sulla comparsa delle prime attestazioni di caccia nel lontano paleolitico per poi percorrere brevemente la storia evolutiva dell’Uomo fino ad arrivare alle radici antropologiche dell’attuale biodiversità umana.

La serata si concluderà con un brindisi offerto da Azienda Agricola Pojer e Sandri.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria