Archivi del mese: marzo 2011

La prelazione ed il retratto

La prelazione ed il retratto
Autore: Giulia Rossi
Editore: Cedam – Gruppo WKI
Pagine: 344 – X
Anno: marzo 2011
Codice: 00117683
Codice ISBN: 978-88-13-30757-8
Prezzo di copertina: 35,00 Euro

Trattasi di un lavoro monografico approfondito ed analitico sui due istituti, la prelazione ed il retratto.
La prelazione accorda una posizione di preferenza caratterizzata da una duplice eventualità; che il soggetto passivo decida di vendere e che il soggetto attivo decida di avvalersi della propria posizione di priorità. Se si verificano entrambe le condizioni, ma non è rispettata la precedenza accordata ad un soggetto nei confronti di altri, l’ordinamento attribuisce con il retratto un potere di conformazione in forza del quale la scelta tra esercizio positivo o negativo dipende solo dalla tempestiva decisione del titolare stesso e non già dal verificarsi di altre condizioni. Il retratto trova la propria giustificazione proprio nella poziorità o preferenza, è sostanzialmente considerato un mezzo che rafforza l’obbligazione di preferire, ma non solo, anche nelle ipotesi in cui il retratto è accordato in assenza di un’obbligazione di preferire, questo non prescinde mai da una posizione di preferenza.
Si è tentato di ricostruire, alla luce della giurisprudenza e della dottrina più rilevante, il ruolo e la funzione della Prelazione e del Retratto all’interno del nostro ordinamento. In particolare, con la volontà di non limitarsi ad un lavoro prettamente sistematico e compilativo, teso unicamente ad ordinare e coordinare la molteplicità delle fonti e del materiale esistente in materia, si sono approfonditi, in modo ragionato, alcuni degli aspetti più rilevanti di questi istituti.
Si è scelto di procedere, in primo luogo, ad una macro distinzione tra prelazione legale e prelazione convenzionale per poi proseguire, alla luce della stessa, all’individuazione delle differenze e delle analogie più significative; successivamente, si è affrontato il tema del retratto rapportando la sua funzione e la sua ratio anche a quella dell’istituto della prelazione.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Cittadini e guerrieri negli stati dell’antichità

CITTADINI E GUERRIERI NEGLI STATI DELL’ANTICHITÀ
di Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff

a cura di Valentina Cuomo
con scritti di Luciano Canfora
Collana: "LEGuerre", n° 70
In 8°, brossura, pagine 107
Prima edizione "LEGuerre", marzo 2011
ISBN: 78-88-6102-149-5
prezzo: Euro 16,00 i.i.

Le antiche città-Stato si caratterizzano come comunità di cittadini-guerrieri in cui chi combatte decide. "Popolo in armi" è infatti il significato del termine latino populus. Per questo, negli Stati antichi, la cittadinanza è un bene prezioso. Da queste considerazioni e dallo studio degli ordinamenti militari greci e romani prende avvio, sotto l’urgenza del primo conflitto mondiale, la riflessione del filologo tedesco Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff sulla relazione tra Stato e guerra.

1 Commento

Archiviato in Senza Categoria

Novità Newton Compton

DAL 17 MARZO IN LIBRERIA:
9788854127319.jpg Tal Ben-Shahar
La felicità in tasca

L’arte di vivere bene senza essere perfetti

La società moderna ci impone continuamente di essere perfetti: perfetti nel modo di apparire di fronte agli altri, perfetti nelle nostre prestazioni, perfetti nelle relazioni di amicizia e d’amore, perfetti nel lavoro. L’errore non è ammesso, perché da sempre una vita felice sembra dover coincidere con una vita perfetta. E se così non fosse? Se il tanto desiderato perfezionismo ci portasse invece solo infelicità?

9788854127302.jpg Luca Stanchieri
101 modi per allenare l’autostima

Suggerimenti per vivere serenamente e per imboccare la strada giusta: quella che conduce al benessere proprio e altrui.

Cos’è l’autostima? È possibile allenarla e farla diventare più forte? E in che modo? L’autostima è una combinazione fra amore, speranza e fiducia nella propria mente. Nasce dall’esperienza e dalla coscienza. Non è un semplice sentirsi bene. È la convinzione profonda che allenando le proprie potenzialità si possono raggiungere traguardi spirituali e concreti straordinari.

9788854127357.jpg David Gibbins
Atlantis

Il codice più importante della storia è stato finalmente decifrato

Indiana Jones incontra il codice da Vinci in una storia di archeologia marina sulle tracce della mitica città di Atlantide

Un gruppo di archeologi è impegnato, tra le acque del Mediterraneo e le sabbie dell’Egitto, nella faticosa ricerca delle prove dell’esistenza di Atlantide.

9788854127326.jpg Azhar Abidi
Il mio matrimonio pakistano

Un indimenticabile romanzo sulla famiglia, l’amore, i conflitti generazionali, culturali, religiosi e politici, in un paese, il Pakistan, che precipita nella violenza e nella brutalità

A Karachi, Bilqis Ara Begum sta organizzando il ricevimento per il matrimonio di suo figlio Samad. La famiglia è riunita, la servitù ha istruzioni precise. La sposa ben presto avrà le mani dipinte di henné, e sfoggerà l’abito e i gioielli tradizionali… Eppure questo non è il matrimonio che Bilqis aveva sognato per il figlio.

9788854127333.jpg Helene Cooper
Le bambine di Sugar Beach

In Africa sulle tracce di una sorella perduta. La toccante testimonianza di un amore indistruttibile per la propria terra e la propria famiglia

Una dimora a tre piani, sormontata da una cupola di vetro che risplende nel sole equatoriale: questo è il paradiso dei Cooper a Sugar Beach, in Liberia.

9788854127340.jpg Scarlett Thomas
L’isola dei segreti

Dall’autrice del bestseller Che fine ha fatto Mr Y.
Sei ragazzi in bilico tra la paura dell’ignoto e il bisogno di conoscenza
Sono giovani e alla deriva. Hanno poco più di vent’anni. E hanno voglia di cambiare vita. La loro grande opportunità si nasconde dietro una semplice e all’apparenza innocua inserzione sul giornale: «Giovani menti brillanti cercansi per grande progetto».

9788854127371.jpg Veronica Q
Vietato ai minori

Non per denaro ma per noia: la sconcertante autobiografia di una baby prostituta

Con fredda naturalezza e senza ombra di compiacimento, Veronica ripercorre, in una sorta di diario inquietante e distaccato, le sue esperienze estreme. Quelle di un’adolescente che ha divorato tutto vivendo con frenesia e incoscienza, ma che non ha ancora incontrato l’amore vero, quello che fa battere forte il cuore…

9788854127364.jpg Nancy Kilpatrick
La rinascita del vampiro

Dall’autrice dei bestseller La notte dei vampiri e La guerra dei vampiri

Potenti e notturni, i vampiri che popolano il mondo creato da Nancy Kilpatrick si nutrono di sangue e di passioni, spinti all’eccesso dalla loro natura sovrumana. La notte è il loro covo, il momento ideale per rinsaldare alleanze millenarie e allacciarne di nuove e pericolose.

9788854127395.jpg Renzo Rossotti
Le strade del mistero di Torino

Un itinerario tra le vie, i vicoli e le piazze, alla scoperta dei luoghi testimoni di eventi mai chiariti

Nella mappa di Torino, città spesso definita “magica”, quasi ogni via ha una propria storia da raccontare, soprattutto nei quartieri più antichi, nei crocicchi sopravvissuti alle distruzioni di guerre e a non poche ristrutturazioni.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Carl Schmitt: diritto e concretezza

E’ uscito il nuovo "Quaderno di Geopolitica", firmato da Alberto Buela, David Cumin e Stefano Pietropaoli, dal titolo

CARL SCHMITT: DIRITTO E CONCRETEZZA

schmitt.4nwe04bnwt8gg8kcowgc440k8.1n4kr7rgh18gs08gcg0csw4kg.th.jpeg

inv

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Fuoco del sud

DAL 23 MARZO IN LIBRERIA PER I TIPI DELLA RUBBETTINO
fuoco.del.sud.jpg
Fuoco del Sud
La ribollente galassia dei Movimenti meridionali
di LINO PATRUNO

C’è "Fuoco un Sud" un che arde sotterraneo e che potrebbe irrompere proprio mentre si celebrano i 150 anni dell’Unità d’Italia. Un "fuoco" tanto sofferto quanto ignorato. Si alimenta di centinaia di movimenti, associazioni, comitati, gruppi, intellettuali che un secolo e mezzo dopo chiedono ancòra rispetto per il sacrificio imposto al Sud nella nascita della nazione, che si battono per liberare il Sud dalla sudditanza subìta sull’altare del patriottismo e della retorica. Sono i "nuovi briganti" della comunicazione e dell’indignazione di cui il Sud ha bisogno. E che grazie anche alle moderne armi di Internet raccolgono e diffondono sia un ritrovato orgoglio meridionale, sia la rabbia per la storia taciuta dalle reticenze degli archivi e! dalle ipocrisie delle accademie Con la denuncia delle clamorose responsabilità dei governi nel disegno preordinato, sistematico e cinico di un Sud da mantenere arretrato. Il libro è un viaggio giornalistico pieno di sorprese in questo "Fuoco del Sud" che annuncia una insurrezione non soltanto delle coscienze. Un racconto ribollente tra una serie di "non è vero", tutte le stazioni della "Via Crucis" del Sud e finalmente risposte alla domanda: che fare?

Lino Patruno, giornalista e saggista, è stato per 13 anni direttore della «Gazzetta del Mezzogiorno» di Bari. Da sempre impegnato in una intensa attività pubblica sui temi della storia, cultura, società, economia del Sud, li ha sviluppati in una quindicina di libri per vari editori. L’ultimo Alla riscossa terroni (Manni). Insegna comunicazione all’Università di Bari.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

La Fonte Gaia

Arte senese/ La Fonte Gaia, in un libro vent’anni di restauri

Firenze, 10 marzo 2011 – Uno dei massimi monumenti civici senesi torna all’antico splendore: dopo più di vent’anni di lavori la Fonte Gaia, che Jacopo della Quercia scolpì tra il 1409 e il 1419, è stata restaurata ed esposta nel complesso museale di Santa Maria della Scala, in un allestimento dove i marmi originali sono affiancati ai calchi tratti dalla fonte quattrocentesca e ai modelli in gesso della copia che Tito Sarrocchi realizzò nel 1869. Gli interventi di recupero del monumento, assieme alle appassionanti vicende della sua storia plurisecolare, sono ripercorsi nel volume ricco di immagini a colori La Fonte Gaia di Jacopo della Quercia. Storia e restauro di un capolavoro dell’arte senese (Polistampa, pp. 208, euro 36,00), a cura di Sara Dei ed Enrico Toti.

La Fonte Gaia venne ultimata nel 1419, a poco più di dieci anni dall’avvio del progetto di Jacopo della Quercia. Simbolo civico fortissimo, rappresentava una sorta di cornice ideale a quel bene prezioso che per qualsiasi città, specie se collinare, era l’acqua. La fonte, posta in mezzo al Campo, era decorata con i rilievi della Madonna (protettrice della città) e affiancata dalle Virtù, indispensabili ispiratrici del Buon governo. Il debole materiale impiegato per la sua realizzazione – marmo della Montagnola senese – e la vita quotidiana che si svolgeva sulla piazza hanno fortemente contribuito al degrado materiale della fonte. Uno dei traumi maggiori fu inferto da chi, nel 1743, per vedere meglio lo svolgimento del Palio, si arrampicò su una delle due sculture a tutto tondo (Rea Silvia), mandandola in pezzi e rimanendone vittima. Nel 1859 fu deciso di sostituire la fonte di Jacopo con una copia realizzata nel più duraturo marmo di Carrara, commissionata allo scultore purista senese Tito Sarrocchi (1824-1900). Il monumento, che si può ancora oggi ammirare nel Campo, fu inaugurato solo dieci anni più tardi e fu protetto da una cancellata dell’architetto Giuseppe Partini. Nel 1904, in occasione della mostra dell’Antica Arte Senese, i resti di quella che era stata una delle maggiori ragioni di orgoglio municipale vennero invece riordinati nella Loggia dei Nove di Palazzo Pubblico, dove rimasero fino al 1989 quando iniziarono le prime fasi del loro recupero. Come ricorda Cristina Acidini nell’introduzione al volume: “la Fonte Gaia ha svolto nella sua storia plurisecolare molteplici funzioni: rifornire d’acqua i cittadini nel cuore della piazza principale; significare il rispetto delle Virtù e la devozione per la Madonna; rappresentare uno dei vertici dell’arte del primo Rinascimento toscano, negli anni in cui la scultura toccava o si apprestava a toccare con Ghiberti, Brunelleschi, Donatello, Luca della Robbia, primati di qualità che raramente aveva raggiunto dopo la scomparsa dell’antica epoca classica”.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

In arrivo Pastworld di Ian Beck

Asterion Press e Asengard Edizioni sono liete di annunciare l’imminente uscita di Pastworld, il romanzo di Ian Beck, già edito in Inghilterra da Blomsbury e opzionato per il cinema dalla Gold Circle Films, che segna l’inizio della collaborazione editoriale tra Asterion Press e Asengard Edizioni.
Dalla quarta di copertina del romanzo:

Pastworld è il più grande parco a tema mai realizzato. Ha sede a Londra, o meglio è Londra: restaurata e ripristinata in una fedele, viva e pulsante replica di se stessa all’epoca vittoriana.
Per Eve, nata e cresciuta a Pastworld, calessi e lampade a gas sono invenzioni moderne. Eve non sospetta nemmeno di vivere in una finzione fino a quando è costretta a fuggire dall’unica casa mai conosciuta, e affrontare la verità sulla sua città e su se stessa.
Per Caleb, turista in vacanza a Pastworld, il parco a tema costituisce il perfetto antidoto al soffocante conformismo e alle norme oppressive del 2048. La cruda ferocia del passato è elettrizzante, o almeno lo è fino al momento in cui si ritrova sulla scena di un delitto, con un coltello in mano e improvvisamente in balia di un antiquato sistema giudiziario. Nel frattempo una sinistra e micidiale figura si aggira tra la densa nebbia di Londra, mietendo una vittima dopo l’altra: Fantom, creatura del passato e del futuro, nei cui oscuri piani confluiranno i destini di Caleb ed Eve.

Ian Beck è autore dei romanzi “La vera storia di Tom Trueheart. Giovane eroe” e “Tom Trueheart e la terra delle storie oscure”, oltre a numerosi libri per bambini. Pastworld è il suo primo romanzo per un pubblico di giovani adulti. Vive con la moglie e i figli nella Londra del XXI secolo.

In libreria e nei migliori negozi da Fine Marzo.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Novità Besa Editrice

logobesa
In libreria
consigli ai giovani scrittori

Autore: Graeme Gibson
Collana: Nuove Lune 49
Categoria: letteratura canadese
Pagine: 256
ISBN 978-88-497-0734-2

Prezzo: € 18,00

Graeme Gibson

Signor morte

Signor Morte è una storia di fantasmi. Il narratore, Robert Fraser, è alle prese con la scrittura di alcune storie, le quali si intrecciano con il suo passato e il suo presente. Da tempo Fraser cerca di venire a patti sia con la morte del fratello, che con l’idea della propria mortalità. Il romanzo, che ha come sfondo una serie di scenari che vanno da Toronto al Canada rurale, da Londra alle isole Shetland, da New York alla Scozia, descrive un processo psicologico di recupero del passato e di pacificazione con l’idea della morte. Ma questo per il protagonista significa anche recuperare un rapporto con la vita, la moglie, i figli, il mondo che lo circonda. Alla fine, il lettore riconoscerà nelle storie di Simpson, a cui viene chiesto di donare dello sperma, e di Dunbar, un enigmatico turista in giro per Dublino, frammenti che gettano luce sul percorso umano del protagonista stesso.

Di origine canadese, Graeme Gibson è nato nel 1934 e vive a Toronto con la moglie, la scrittrice Margaret Atwood. Ha pubblicato i romanzi Five Legs (1969) e Perpetual Motion (1982), prima di decidere nel 1996 di non scrivere più romanzi.

tutto questo silenzio

Autore: Luisa Ruggio
Collana: Nuove Lune 43
Categoria: letteratura italiana
Pagine: 224
ISBN 978-88-497-0724-3

Prezzo: € 17,00

Luisa Ruggio

Afra

Cinque donne si muovono in un’indimenticabile geografia dell’anima. Una puttana analfabeta che conserva una piccola Bibbia piena di annotazioni a margine, la grazia del fantasma di una donna tradita per il miraggio novecentesco dell’America e innamorata di una terra chiamata Afra, la forza di una monaca che ha smesso di attendere notizie dal fronte africano di El Alamein, un’adolescente scampata ai bombardamenti su Napoli e sopravvissuta alle sue sorelle nelle atmosfere surreali della seconda guerra mondiale, una domestica bambina posseduta dal dèmone dell’amore. Che cosa lega il loro destino e il loro punto di vista sensuale e disperato?
Le loro vite si sfiorano alle straordinarie altezze del pudore dell’amore, condizionato dalle ferite della Storia e l’invadenza del caso fino a diventare attesa dei ritorni mancati. Afra è la terra, alma mater, che attraversa questa storia con una forma sottilissima di erotismo ed è anche un’eco in cui riconosciamo la voce di una scrittrice italiana.

Luisa Ruggio, giornalista e scrittrice di origini pugliesi, ha pubblicato con Besa Senza Storie (2010), Menzione Speciale Premio Bodini 2010. Afra, il suo primo romanzo, ha vinto quattro premi letterari. È autrice del blog dedicato alla scrittura “Dentro Luisa”, www.luisaruggio.blogs.it

senza storie

Autore: Gëzim Hajdari
Collana: Nuove Lune 58
Categoria: letteratura albanese/poesia
Pagine: 144
ISBN 978-88-497-0733-5

Prezzo: € 15,00

Gëzim Hajdari

Corpo presente

Corpo presente è stato il primo libro translingue nel percorso poetico di Gëzim Hajdari; fu pubblicato nel 1999 a Tirana. Rileggerlo in questa nuova edizione consente di intendere il cammino annunciato allora e praticato fino ad ora dal poeta. Un poeta finalmente del nostro tempo, che opera nel presente, in Europa e viaggiando nel mondo.

Gëzim Hajdari si è laureato in Letteratura Albanese all’Università di Elbasan e in Lettere Moderne a “La Sapienza” di Roma. Dal 1992 vive come esule in Italia. La sua attività letteraria si svolge all’insegna del bilinguismo, in italiano e in albanese. È poeta, narratore, saggista e traduttore. Ha pubblicato: Erbamara, Antologia della pioggia, Ombra di cane, Sassi contro vento, Stigmate, Spine nere, San Pedro Cutud: viaggio negli inferi del tropico, Maldiluna, Poema dell’esilio, Muzungu: diario in nero, Peligòrga. È vincitore di molti premi letterari.

tutto questo silenzio

Autore: Giuseppe Davanzati
Collana: Astrolabio 37
Categoria: saggistica
Pagine: 176
ISBN 978-88-497-0729-8

Prezzo: € 17,00

Giuseppe Davanzati

Dissertazione sopra i vampiri

Vampiri assetati di sangue che aggrediscono nella notte. Uomini e donne posseduti dal demonio e costretti, per sopravvivere, a un’esistenza di lutti, magie, terrore.
Nell’Italia e nell’Europa del Settecento – prima ancora che si affermino l’Illuminismo e la Ragione – un alto prelato combatte contro queste superstizioni. È Giuseppe Davanzati, arcivescovo di Trani, intellettuale e studioso colto e lucidissimo. La sua “dissertazione” è una traccia del nascente pensiero razionalista italiano ma è anche una testimonianza dell’immaginario (le ansie, gli incubi, la speranza di rinascita) delle popolazioni europee alle soglie dell’età moderna.

Giuseppe Davanzati (Bari 1665-Trani 1755) è una figura emblematica del primo Illuminismo settecentesco. Instancabile viaggiatore, amico personale di papi e regnanti, Davanzati fu tra i più strenui sostenitori della necessità di conciliare fede e verità, ragionamento intellettuale e verifica empirica.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Alfabeto del senso e del controsenso

in libreria dal 3 marzo 2011

per gli acquisti on-line:

http://www.magiedizioni.com/magiedizioni/Alfabeto_del_senso_e_controsenso.html#

per informazioni: Edizioni Magi – Via Giuseppe Marchi 4 – 00161 Roma – 0699703800

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

I neri e i rossi

I neri e i rossi
Tentativi di conciliazione tra fascisti e socialisti nella Repubblica di Mussolini
Stefano Fabei

Pagine: 478
Codice: 14252
EAN 978-88-425-4745-7
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia – 1939-1945: Seconda guerra mondiale

«Poiché la successione è aperta in conseguenza dell’invasione angloamericana, Mussolini desidera consegnare la Repubblica Sociale ai repubblicani e non ai monarchici, la socializzazione e tutto il resto ai socialisti e non ai borghesi.»

Questa la proposta che il Duce, il 22 aprile 1945, compiendo la sua ultima manovra politica, consegna al giornalista antifascista Carlo Silvestri, convocato in prefettura a Milano, perché la recapiti all’esecutivo del PSIUP. È l’invito del dittatore al Partito socialista, con l’accordo del Partito d’azione e il tacito consenso del PCI, a prendere in consegna la città di Milano e a mantenere l’ordine pubblico, per cui mette addirittura a disposizione reparti della RSI.
Deve essere questo lo sbocco dell’operazione «ponte» che Mussolini ha messo in atto da alcuni mesi con la collaborazione di Silvestri, di Edmondo Cione e in cui coinvolge il comandante delle formazioni partigiane socialiste «Matteotti» Corrado Bonfantini. Ma l’intransigenza di Lelio Basso e, soprattutto, di Sandro Pertini fanno fallire questo progetto a cui molti, da entrambe le parti, hanno guardato con opportunismo ma anche con sincera buona fede.


L’Autore
Stefano Fabei, nato a Passignano sul Trasimeno nel 1960, laureato in Lettere moderne, insegna a Perugia. Suoi saggi sono apparsi su «Studi Piacentini» e «Treccani Scuola». Collabora a «I sentieri della ricerca», «Eurasia» e «Nuova Storia Contemporanea». Tra le sue opere recenti: I cetnici nella Seconda guerra mondiale (2006), Carmelo Borg Pisani. Eroe o traditore? (2007). Con Mursia ha pubblicato Il fascio, la svastica e la mezzaluna (2002) tradotto in Francia nel 2005, Una vita per la Palestina. Storia del Gran Mufti di Gerusalemme (2003), Mussolini e la resistenza palestinese (2005), La «legione straniera» di Mussolini (2008) e Operazione Barbarossa (2010).

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria