Archivi del mese: agosto 2009

La vecchiaia di Cicerone

ISBN: 9788878992078

Marco Tullio Cicerone

La vecchiaia

Con questa operetta, composta all’inizio del 44 a.C., immediatamente prima dell’uccisione di Cesare, Cicerone, in un periodo per lui pieno di amarezze familiari e politiche, avverte il bisogno di consolare se stesso, ormai sessantaduenne, nonché Attico, destinatario dello scritto, di pochi anni più anziano. O, meglio, mira ad indicare ai romani di quale dignitas e auctoritas la vecchiaia possa essere ancora garante.

Per ottenere lo scopo, Cicerone sceglie a portavoce Catone, ottantaquattrenne protagonista del dialogo, figura di intatta autorevolezza e di forte prestigio politico. Ma il Catone del “De senectute” è diverso dal personaggio che la storia ci ha consegnato. È un Catone idealizzato, deformato, rappresentato vicino al circolo scipionico, con una decisa caratterizzazione filosofica e, addirittura, capace di considerare il bello prima dell’utile.

L’operetta presenta anche una ricca rassegna di exempla scelti tra i grandi personaggi del mondo greco e, soprattutto, dell’eroico passato romano, risultando, in tal modo, non più un semplice trattato teorico sulla vecchiaia, ma un concreto strumento di propaganda politica.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Le onde

ISBN: 9788862260190

Louis-Ferdinand Céline

Le onde

Inedito in Italia, questo racconto permette di cogliere la genesi della scrittura celiniana e di rinvenirvi le tracce delle qualità letterarie e stilistiche che faranno di Céline uno degli scrittori più grandi del Novecento.

“Sotto uno striminzito completo a motivi si indovinava il corpo gracile, precocemente logoro. Aveva una conoscenza approfondita della lingua francese, in cui componeva versi che avevano avuto, prima della guerra, un certo successo negli ambienti esclusivi, dove ci si vanta di spirito letterario. La sua musa errava con familiarità nel periodo cupo del Medioevo da cui coglieva accenti d’una stranezza comunemente incomprensibile e che la critica mondana, non capendovi nulla, aveva dichiarato selvaggiamente meravigliosi”.

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Terrorismo e guerre giuste

Alain de Benoist, TERRORISMO E “GUERRE GIUSTE”, Guida, Napoli 2007, pp. 118, euro 10.

Dalla quarta di copertina del volume:
“In questo suo ultimo lavoro Alain de Benoist contesta radicalmente la legittimità teorica, politica e morale del concetto di ‘guerra giusta’, dimostrando come lo stesso fenomeno terroristico vada riportato alle sue dimensioni più semplici e naturali, quelle che consentirebbero di combatterlo senza alimentarlo. Il terrorismo, in effetti, non ha radici soltanto ‘islamiche’, ma talvolta occidentali e anche statuali. Esso si ricollega anche al fenomeno, tipicamente moderno nelle sue forme più accentuate, di criminalizzazione del nemico, secondo le analisi del giurista tedesco Carl Schmitt, di cui de Benoist indaga l’attualità. In una critica radicale alle posizioni dell’amministrazione Bush, l’Autore perviene alla conclusione che il ‘globalitarismo’ americano racchiude un pericolo mortale per il mondo moderno, l’occultamento della originarietà dell’elemento politico e conflittuale nella vita dell’uomo, con la conseguenza che un pianeta ‘definitivamente pacificato’ dall’egemonia ‘benevola’ degli Stati Uniti d’America produca una guerra civile mondiale senza fine e di proporzioni catastrofiche”.

piatto de Benoist.pdf

Lascia un commento

Archiviato in Senza Categoria

Ciao mondo!!

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

1 Commento

Archiviato in Senza Categoria